jump to navigation

Persone famose turchesi 17 marzo 2008

Posted by chiaradavinci in Senza categoria.
Tags: ,
trackback

Quando ero piccola associavo sempre le persone e le cose e ai colori. Mio padre era azzurro morbido, a volte un po’ rosso, la mia compagna di banco verde stinto, mia nonna materna fucsia, un mio prozio arancione. Verde era la scuola, rosso lo sport, gialla l’estate e rosa la strada da scuola a casa. Al liceo ho iniziato ad associare i colori con gli argomenti trattati in classe e a colorare di conseguenza gli appunti sui filosofi o gli scrittori appartenenti a una determinata corrente di pensiero. I razionalisti erano blu, i naturalisti verdi, rosa i romantici, rossi solo Marx e Hegel, arancioni gli incategorizzabili che mi piacevano, gialli gli scettici, viola tutti gli altri.

Perciò non mi stupisce che ci sia gente che in Google digita “persone famose turchesi”.

Chi sono le persone famose turchesi? Il turchese dà l’idea di trasparenza e di infinito. Inoltre spinge alla meditazione e alla calma, invita all’ascolto e all’equilibrio. È un colore freddo, ma che difficilmente dispiace. Andrea Pinketts in uno dei suoi romanzi più riusciti lo associa alla morte. Va bene, ma chi sono queste persone famose turchesi?

Direi che De Andrè è più turchese di Guccini, e che Mario Corso è più turchese di Tarcisio Burnich. Wojtila era senza dubbio più turchese di Razinger, e Madama Butterfly lo è più di Tosca. Alice nel paese delle meraviglie è più turchese di Cenerentola e Descartes di Wittgenstein, ma siamo lì.

Forse, più banalmente, a cercare “persone famose turchesi” è uno studente di italiano alle prime armi, come quella mia amica tedesca che mi raccontò che nel paesino del nord della Germania in cui è cresciuta si mangiava un dolce detto “miele turchese”. Ho fantasticato per mesi su questo dessert colorato, lo immaginavo più saporito dei nostri, più aromatico, non so perché morbido e freddo. Fino a che, stremata dalle mie domande, me l’ha portato. Era del banalissimo torrone, importato dalla Turchia. Da turco a turchese il passo è breve, e forse i malcapitati googlatori anonimi cercavano questo:

Annunci

Commenti»

1. Lupus caelestiter caeruleus - 17 marzo 2008

Lo sapevi che in russo “golubòj” oltre a significare “azzurro” – vabbuo’, mo’ non sta’ a sottilizza’! – significa anche “checca”? Marò, quanto mi sento pomeriggio da treni all’incontrario!

2. Dante A. Ristori - 17 marzo 2008

che bello, chiara, questo post che sollecita alle vaghe associazioni e ai tenui vagheggiamenti mnemonici. “Persone famose turchesi” richiama subito il “gran turchese”, saporito frollino d’antan dei tempi ruspanti pre-mulino bianco (quando ero giovane perfino io) e poi, con un ardito scarto di senso, solecitato dalla tua inopinata conclusione, passo a ricordare il “gran turco”, che non è il noto cereale polentifero, bensì il mitico allenatore Fatih Terim, fautore del gioco più brillante e offensivo che la Fiorentina anni ’90 abbia mai avuto. Peccato non si possano mettere foto nei commenti (almeno non saprei come fare) perché il faccione rubizzo del “Terimme” avrei proprio voluto inserirlo!

3. chiaradavinci - 18 marzo 2008

Lupus, d’ora in avanti firmati “fata turchina” 🙂

Dante A. (e sottolineo A.), sapevo che ti sarebbe piaciuto, è un post molto nelle tue corde. In effetti anche il gran turchese è un biscotto un po’ pissero, e noto con piacere che ti è venuto in mente subito. Avevo pensato anche a Terim, però ho trovato solo foto in cui somigliava più al mio meccanico. Tenetevi stretti Prandelli (che forse è parente di una nostra illuminata collega), se entrate in Champions mi farà piacere soprattutto per lui.

4. unatraduttrice - 18 marzo 2008

dunque io sono:
a) la strada da scuola a casa (bello);
b) i romantici (uhm).
mi sa che non ci dormirò stanotte 😉

5. chiaradavinci - 18 marzo 2008

ecco, traduttrice, allora saremo in due. dormi, dormi, tu che puoi. e non ti alzare alle 5, ché mi fai preoccupare.

6. unatraduttrice - 19 marzo 2008

splendore, volevo rassicurarti. stamattina mi sono alzata alle 6 😉

7. nietta - 20 marzo 2008

dimentichi i gabinetti… alla turca… 😦
comunque io mi sento molto turchese. scusa se me ne vanto. 😉

8. alessio - 30 ottobre 2008

http://www.turchesi.com era un dj veneziano


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: