jump to navigation

Scarpette ebree, comuniste, gay, nere, cinesi, down… 27 gennaio 2010

Posted by chiaradavinci in all you need is love.
trackback

C’è un paio di scarpette rosse numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora
la marca di fabbrica “Shultze Monaco”

C’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a fare coperte per i soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nella camera a gas

C’è un paio di scarpette rosse
di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bimbo di tre anni
forse di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono

C’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole

di Joyce Salvatori Lussu ((Firenze, 1912 – Roma, 1998), scrittrice, traduttrice, partigiana.

Annunci

Commenti»

1. calvin - 27 gennaio 2010

ho letto questa cosa la prima volta da bambina, su un libro di lettura delle elementari di mio fratello.
non sono riuscita a staccarmene per giorni.
mi è sembrato che ci fosse concentrata dentro tutta la crudeltà del mondo, tutti i cattivi delle favole più cattive.
e poi ho capito che non erano favole, ecco. e sono diventata quella che sono.

2. chiaradavinci - 27 gennaio 2010

ba’, io sono trent’anni circa che la leggo e la rileggo, e ogni volta piango.

3. Isa - 28 gennaio 2010

uguale come calvin, solo che il libro di lettura era il mio. uguale come chiara, solo che coll’andar del tempo è peggio. (grazie chiare’)

4. Tania - 28 gennaio 2010

l’ho appena riletta, tenendo in braccio la mia più piccola di due mesi che dorme, mentre i due fratellini di quasi sei anni e appena due se ne sanno tranquilli a fare gli ultimi giochi… e non ho parole che non siano lacrime trattenute!

5. Mammamsterdam - 15 febbraio 2010

Io per una volta non ho pianto, sarà l’ormone recalcitrante, ma una mazzata sul collo lo è stata uguale. Non la conoscevo, grazie per avermela fatta leggere.

6. Josè Pascal - 27 giugno 2011

Complimenti per il bel blog,

desidero invitarti a sbirciare nella mia scatola di latta: http://parolesemplici.wordpress.com/mytinbox/
Definisco il blog “In parole semplici” come “una scatola di latta virtuaculturale dove vengono custoditi pensieri, ricordi, immagini, suoni e semplici storie”

Mi farebbe piacere se un giorno partecipassi anche tu a questa iniziativa. Contribuirebbe così all’arrichimento di un progetto culturale internazionale.

Sono a tua completa disposizione per varie ed eventuali.

buona e semplice vita

josè

7. minecraft - 18 luglio 2013

C) At any time we may refuse you the right to play through this web site.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: